INDONESIA

INDONESIA

Cose da fare - generale

La Repubblica di Indonesia è il più grande arcipelago del mondo che comprende 13.466 grandi e piccole isole tropicali orlate di spiagge di sabbia bianca, molte ancora disabitate ed un numero ancora senza nome. A cavallo dell’equatore, situata tra i continenti di Asia e Australia e tra il Pacifico e l’Oceano indiano, è larga come gli Stati Uniti da San Francisco a New York, eguagliando la distanza tra Londra e Mosca. L’Indonesia ha una popolazione totale di oltre 215 milioni di persone provenienti da più di 200 gruppi etnici. Le isole più conosciute sono Sumatra, Giava, Bali, Kalimantan (Borneo ex), Sulawesi, le isole Molucche e Papua. Poi, c’è Bali, con le sue incantevoli spiagge, cultura, balli dinamici e musica. L’Indonesia affascina con la sua ricca diversità di templi antichi, la musica, le danze, i riti ed i  modi di vita, passando da un’isola all’altra, da regione a regione. Ma ovunque il visitatore si sente accolto dalla calda e gentile cordialità, virtù innata del popolo indonesiano che non si dimentica facilmente. Gli alberghi dell’Indonesia non sono secondi a nessuno, in realtà molte strutture di lusso sono state elencate tra le migliori del mondo. Alcune si trovano sulle spiagge di sabbia bianca, altre tra colline verdi e fiumi, altre ancora nel cuore di Giacarta, la capitale. Le città come Giacarta, Bandung, Surabaya o Makassar sono un paradiso per lo shopping con boutique di lusso e mercati che vendono prodotti locali. I buongustai possono assaggiare la deliziosa cucina piccante in molte regioni e cenare in lussuosi ristoranti internazionali. Nelle meravigliose Spa poi, riuscirete a rilassarvi ed a rinvigorire il corpo e la mente come in nessun altro posto al mondo.

L’Indonesia è un luogo dove sentirete forti sensazioni e proverete grandissime emozioni!

 

Passaporto obbligatorio con validità residua di almeno 6 mesi alla data di ingresso in Indonesia. L’Indonesia adotta il sistema di “Visa on Arrival”: quindi il visto viene rilasciato direttamente all’ arrivo in aeroporto, valido per 30 giorni al costo di circa 35 USD.

Continente ASIA

Storia

Storia L'Indonesia fu condizionata per molto tempo dalla duplice influenza dell'India e della Cina. Divenne un paese prevalentemente musulmano tra il 14° e il 16° secolo d.C. Decisivo fu l'arrivo degli europei nel 16° secolo: dopo di allora l'Indonesia rimase per circa 350 anni una colonia olandese. L'epoca coloniale ebbe termine nel 1945, quando il paese ottenne l'indipendenza. Fu Sukarno il primo presidente dell'Indonesia indipendente. Egli, con il sostegno dei comunisti, avviò la riforma agraria e una politica di ampie nazionalizzazioni, schierandosi in politica estera con i paesi neutralisti e non allineati a nessuno dei due blocchi (Stati Uniti e Unione Sovietica). Di fronte alle crescenti opposizioni interne, tuttavia, Sukarno assunse gradualmente poteri dittatoriali e, dopo aver istituito la repubblica presidenziale nel 1959, nel 1963 si proclamò presidente a vita, stringendo rapporti sempre più stretti con la Cina comunista. Nel 1965 Sukarno fu destituito e divenne capo del governo il generale Suharto, il quale fu poi più volte eletto presidente della repubblica dal 1968 in avanti. Suharto diede vita a un regime almeno relativamente dinamico dal punto di vista economico, ma al tempo stesso fortemente autoritario e corrotto, destinato a durare sin quasi alla fine degli anni Novanta. Sempre più in crisi all'interno e criticato dalla comunità internazionale ‒ anche in relazione alle violenze esplose a Timor Est ‒ nel 1998 Suharto lasciò il potere. Ebbe così inizio una nuova fase della storia indonesiana, caratterizzata da una forte instabilità politica. Oggi il presidente dell’Indonesia è Joko Widodo, governatore di Giacarta.

Natura e ambiente

Natura e ambiente Grazie alla sua posizione ed alla sua geologia l'Indonesia gode di diversi tipi di paesaggi: le fertili risaie di Giava e Bali, le lussureggianti foreste pluviali di Sumatra, Kalimantan e Sulawesi e le cime innevate di Papua. La sua fauna varia dalla lucertola gigante di Komodo all'orangotango ed al rinoceronte di Giava, dai bufali nani di Sulawesi agli uccelli con il piumaggio meraviglioso come il cacatua e l'uccello del Paradiso. Qui nasce anche il Rafflesia, il più grande fiore del mondo, oltre ad una serie di orchidee selvatiche, una straordinaria varietà di spezie ed una grande varietà di alberi da frutto e legni aromatici.

Cosa fare

Cosa fare In Indonesia si possono ammirare le spiagge, i templi, le risaie, la natura, ma soprattutto si possono ammirare i luoghi un po' più dimenticati, accessibili ma trascurati, le isole più piccole che ancora conservano cultura e tradizioni antiche, si possono incontrare le popolazioni che non ti guardano come un semplice turista.

Quando andare

L'Indonesia ha un clima equatoriale, abbastanza uniforme: caldo e umido da ottobre ad aprile, durante la stagione delle piogge, caldo e secco da maggio a settembre. Il periodo migliore per visitare il paese è la stagione secca che va da maggio a ottobre.