MYANMAR

MYANMAR

Cose da fare - generale

Il viaggiatore che sceglie questa destinazione ha un’opportunità unica di avventurarsi in un territorio non deturpato dai grandi flussi turistici. La Birmania (oggi Myanmar) può considerarsi veramente la Grande Anima d’Oriente, avendo conservato, fino ad oggi, ancora intatte le sue millenarie tradizioni. Davvero ricca di luoghi incantevoli e persone molto cordiali. Terra di mille pagode, di risaie e monasteri, dove la vita di tutti i giorni è attraversata dal pensiero buddhista, questo Paese è davvero uno dei pochi del continente asiatico a non aver subito la progressiva occidentalizzazione toccata a molte altre popolazioni di antichissima civiltà.

DOCUMENTI NECESSARI passaporto con validità residua non inferiore a 6 mesi dalla scadenza dal momento dell'entrata in Myanmar. VISTO DI INGRESSO: necessario, da richiedersi presso l’Ambasciata dell’Unione del Myanmar a Roma. CAPITALE Nay Pyi Taw POPOLAZIONE 46.900.000 ab. Per il 68% birmana, il restante è composto da varie etnie: shan, cinese, indiana. SUPERFICIE 676.577 km2 FUSO ORARIO +5,30h rispetto all'Italia, +4,30h quando in Italia vige l'ora legale. RELIGIONE buddhista theravada, musulmana, cristiana. TASSO ALFABETIZZAZIONE della popolazione è circa dell' 85% .

Continente ASIA

Storia

Storia Per oltre mezzo secolo questo bellissimo paese è stato sotto i dittatori e giunte militari senza scrupoli. I governi dittatoriali che si sono susseguiti hanno tentato, senza riuscirci, di cancellare ogni traccia di democrazia fino all'arresto di Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la pace nel 1991e riducendo brutalmente nel silenzio ogni voce dissidente. Oggi il governo sta cercando di perfezionare i rapporti politici per attirare gli investimenti stranieri ed in ogni modo sta cercando di mantenere il potere. Il suo nome completo oggi è Unione del Myanmar.

Natura e ambiente

Natura e ambiente Il Myanmar confina con la Thailandia, il Laos, la Cina, l'India ed il Bangladesh. La parte meridionale è bagnata dal Mar delle Andamane e dal Golfo del Bengala. Il corso principale è il fiume Ayeyarwadi navigabile per circa 1600 km. Le montagne si trovano lungo il confine con la Thailandia ed a Nord fino ad incontrare le cime più orientali dell'Himalaya. La montagna più alta del paese si trova lungo il confine con il Tibet ed è il Hkakabo Razi (5881 mt). La metà del paese è ricoperto da foreste ed il 15% del territorio è coltivato a riso.

Cosa fare

Cosa fare Shwedagon, Mandalay, Sagain e Bagan: pagode dorate che spuntano da ogni dove, monaci ordinatamente in fila per attendere il pasto quotidiano, sorrisi genuini che incrociano il vostro sguardo…il Myanmar è un luogo incredibilmente autentico ed affascinante che si rispecchia nelle località più suggestive come il Lago Inle e Ngapali, povero ma dignitoso, imprigionato dalla dittatura ma fortemente libero di sentimenti. Questo paese custodisce luoghi incantevoli ed autentici come Amarapura, i templi di Bagan e Mingun, capaci di stregare il cuore e l’anima di ogni visitatore. Ma l’aspetto unico che distingue il Myanmar è la sua gente, difficile restare indifferenti rispetto ad una mentalità per noi inverosimile, fatta di semplicità, spiritualità e tradizione.

Quando andare

Il clima è tropicale umido con alternanza di stagioni: - temperato (da novembre a febbraio) - caldo (da marzo a maggio) - piovoso (da maggio/giugno ad ottobre). Il periodo migliore per visitare il paese va da Novembre ad Aprile.