TERRA DEL FUOCO

TERRA DEL FUOCO

Cose da fare - generale

E’ separata dal continente dallo Stretto di Magellano ed è delimitata a sud dal Canale di Beagle, attraversando il quale numerose imbarcazioni lasciano Ushuaia per raggiungere l’Antartide. Solo questi pochi nomi basterebbero per definire l’Isola Grande di Terra del Fuoco un posto davvero mitico! Ma non si acquisisce tale titolo tanto facilmente ed eccola perciò svelare le sue bellezze al visitatore, bellezze che includono, a differenza della Patagonia, anche foreste imponenti popolate da una fauna interessante. (volpi, picchi e guanacos tra gli altri). Le mille isolette che la circondano offrono sicuro riparo a colonie di cormorani, elefanti marini e pinguini.

Cultura e Storia

I primi europei a raggiungere il territorio furono i marinai della spedizione di Ferdinando Magellano nel 1520. Da allora, nessun europeo vi stabilì la sua residenza fino alla seconda metà del XIX secolo, quando alcuni pionieri furono attratti dalle possibilità dell'ovinicoltura e dalle prospettive della corsa all'oro. Oggi l'estrazione petrolifera domina l'attività economica nel nord della Terra del Fuoco, mentre il turismo, l'industria e la logistica relativa alle attività in Antartide sono rilevanti nel sud.

Natura e ambiente

Natura e ambiente La Terra del Fuoco occupa l'estremità meridionale del continente americano, si estende a sud-est dello Stretto di Magellano, tra gli oceani Atlantico e Pacifico. L'arcipelago è formato da un'isola principale, l'Isola Grande della Terra del Fuoco, chiamata spesso semplicemente Terra del Fuoco o Isola Grande e da una miriade di isole minori. L'isola principale è divisa politicamente tra due nazioni: l'Argentina e il Cile. L'arcipelago è diviso da un canale con andamento da est ad ovest, il Canale di Beagle, immediatamente a sud dell'isola principale.

Suggerito perché

La parte settentrionale dell’Isola Grande è la continuazione della Patagonia, è composta da ondulazioni dolci e di scarsa elevazione (non superiori ai 200 m), morene, laghi (dei quali il più esteso è il Lago Fagnano). La parte meridionale e le rimanenti isole sono un prolungamento della Cordigliera delle Ande e presentano una serie molto articolata di rilievi culminanti in picchi di oltre 2000 m, coste alte, ampi ghiacciai. Una caratteristica dell’arcipelago è la pronunciata ventosità. La vegetazione comprende sia foreste di conifere sia, in maggior parte, tundra. La fauna è composta da guanaco, volpe e lontra, per quanto riguarda le specie terrestri e, per quelle marine, da foche, balene, delfini.

Hotel su richiesta

Purtroppo non ci sono offerte per soluzioni con cucina disponibili in questa località.

Tour su richiesta